Invasione di stalli blu, caos traffico e rotatorie, riduzione parcheggi. Ghiozzi (Lega): “serve un vero piano del traffico e un nuovo piano della sosta; città devastata dall’immobilismo PD e scelte scellerate M5S”

LIVORNO. Muoversi in auto a Livorno è diventata un’odissea, figuriamoci con il Camper. Al volante di quello della Lega, il Candidato al Consiglio Comunale, Carlo Ghiozzi, come ogni livornese rimane preda del traffico cittadino impazzito. La via crucis comincia sul lungomare: grazie alle nuove rotatorie progettate e rimaneggiate ad arte contro gli automobilisti dalla giunta Nogarin, purtroppo si resta imbottigliati non solo nelle ore di punta, quando tutto è paralizzato, ma si resta in coda a qualunque ora del giorno. “Questo è il frutto di scelte illogiche e a macchia di leopardo”, ha subito messo in chiaro Ghiozzi. "Come è pensabile - si chiede infatti il candidato della Lega - costruire piccoli tratti di piste ciclabile in carreggiata, come ad esempio in piazza Mazzini, a discapito delle arterie principali di traffico cittadino? Oppure piazzare fermate del bus in mezzo alla sede stradale? Sembra quasi un dispetto agli automobilisti e alle persone che per lavoro sono costrette a utilizzare giornalmente l’auto per spostarsi. Ancora una volta, così come ha fatto per anni il PD, non si è pensato ad un piano del traffico generale, ma si è proceduto a tentoni con sprazzi illogici di modifiche stradali, riducendo le carreggiate, creando mini-rotatorie e piazzando un po’ a caso grotteschi semafori che, nel complesso, non reggono di fatto il traffico e creano numerose interminabili file di auto, aumentando così i tempi di percorrenza e l’inquinamento”. “Senza pensare poi all’aggravio dei costi a famiglia delle lettere a pagamento introdotte da Nogarin per i residenti, o da quelle rincarate pesantemente per i professionisti, e il moltiplicarsi folle e indiscriminato degli stalli blu in tutta la città – ha proseguito Ghiozzi – a grave danno dei cittadini livornesi che ancora una volta vengono tartassati dall’Amministrazione Comunale. Per parcheggiare sul lungomare o per andare a trovare un parente o un amico nelle zone della città colpite dalla vernice blu è un esborso continuo. Il tutto contornato da una drastica e gravissima diminuzione dei posti auto nel centro città: secondo la giunta pentastellata dove devono parcheggiare i propri mezzi quando i cittadini tornano la sera esausti dal lavoro?”.
Con la vittoria della Lega il 26 maggio questa follia terminerà: abbiamo studiato un nuovo piano del traffico ed un piano della sosta coerente che seguirà un filo logico nel complesso cittadino. Si tornerà a privilegiare la fluidità del traffico con assi di scorrimento viari da nord a sud e da est ad ovest lineari e non frastagliati da una selva illogica di sensi unici e strozzature varie. Sarà nuovamente aumento il numero dei posteggi ai residenti, specie nelle zone a traffico limitato, e sarà studiato un nuovo piano della sosta con un servizio di bus navetta gratuiti, in modo da riportare nel cuore di Livorno il vero centro commerciale della città. Sarà poi rivisto il contratto con Tirrenica per ridurre gli stalli blu come avvenuto nel Comune di Pisa amministrato dalla Lega. Sarà istituita la lettera “L” che consentirà la sosta gratuita per i livornesi in alcune zone della città come il lungomare. Con queste soluzioni concrete, con la Lega alla guida di Livorno, daremo una chiara risposta all’immobilismo decennale del PD ed ai danni creati dalla giunta pentastellata.

strisce2jpgstrisce3jpgstrisce4jpg